Come chiedere un prestito in Posta: descrizione dei prodotti, caratteristiche, vantaggi

101

Indice dei contenuti

Oltre ai classici istituti di credito e le società finanziarie, è possibile per i cittadini italiani o extracomunitari con regolare permesso di soggiorno chiedere un prestito in Posta, sfruttando i diversi prodotti finanziari messi a disposizione degli utenti. Negli anni Poste Italiane è divenuto infatti molto più di un semplice luogo dedito a raccomandate e pacchi da spedire, trasformandosi in un centro di servizi bancari, laddove i detentori di conto corrente o di una carta ricaricabile possono accedere a svariate forme di credito. In questa guida scopriamo come chiedere un prestito in Posta, quali sono i prodotti finanziari messi a disposizione con tutte le info utili.

Caratteristiche tecniche

Le caratteristiche dei prestiti di Poste Italiane sono del tutto simili a quelli di altri prodotti bancari offerti da istituti di credito e finanziarie: parlando per linee generali, identifichiamo tra le principali peculiarità di questo pacchetto di finanziamenti i seguenti fattori

  • Importi da un minimo di 1000 euro a un massimo 60.000 euro
  • Piani di ammortamento compresi tra 22 e 120 mesi
  • Essere detentori di un conto corrente BancoPosta, libretto di risparmio nominativo o carta ricaricabile PostePay Evolution
  • Tasso di interesse fisso e rata costante per tutto l’ammortamento
  • Credito richiedibile presso qualunque ufficio postale (anche di sabato mattina) oppure on line per determinati prodotti

Vediamo di scoprire un po’ più in dettaglio come richiedere i vari prodotti finanziari.

Prestiti personali alle Poste

Poste Italiane mette a disposizione varie tipologie di prestiti personali, che ricordiamo è un prestito non finalizzato, per cui è possibile richiedere la cifra che si ritiene necessaria, nei limiti previsti ovviamente, senza alcun giustificativo di spesa. I requisiti di accesso principali sono la solidità economica e l’affidabilità creditizia, per cui il richiedente deve risultare in regola con eventuali prestiti precedenti, e avere un reddito in grado di sostenere l’ammortamento del debito. La documentazione base da presentare prevede

  • Documento d’identità in corso di validità
  • Codice Fiscale o Tessera Sanitaria
  • Documento di reddito (busta paga, dichiarazione dei redditi o cedolino della pensione)

A seconda del tipo di prodotto richiesto possono cambiare gli importi massimi richiedibili e le tipologie di durata dell’ammortamento, e vi sono anche finanziamenti personali che si possono richiedere interamente on line con firma digitale, riservati ai correntisti BancoPosta che hanno attivato il servizio di Internet Banking. Non mancano anche opzioni di flessibilità a richiesta, che permettono di personalizzare al massimo l’ammortamento cambiando o saltando la rata. Per maggiori informazioni invitiamo ad andare sul sito di Poste Italiane.

Cessione del Quinto

Poste Italiane offre ai propri correntisti la possibilità di accedere anche alla cessione del quinto, una particolare forma di prestito personale riservata a dipendenti pubblici e pensionati. Come si evince dal nome stesso, la cessione del quinto permette di ripagare il debito contratto

attraverso una trattenuta diretta sullo stipendio o l’assegno previdenziale che non può superare il 20 per cento del totale percepito, appunto un quinto. Si tratta di un finanziamento più facile da concedere del prestito personale standard, giacché vi è la garanzia diretta del datore di lavoro o dell’ente pensionistico, per importi che sono in qualche modo prestabiliti da quanto si guadagna mensilmente.

Tra i vantaggi della cessione del quinto segnaliamo, oltre alla comodità di un ammortamento che avviene in automatico, l’opportunità di ottenere credito anche da chi normalmente ha difficoltà per l’accesso come cattivi pagatori e protestati, grazie proprio alla particolare tipologia di finanziamento e alla garanzia diretta che offre all’ente finanziario.

Consolidamento debiti

Un’altra tipologia di prestito molto particolare che si può richiedere in Posta è il consolidamento debiti, dedicato a tutti coloro che hanno più prestiti in corso e necessitano di semplificare la gestione finanziaria degli ammortamenti per evitare di saltare le troppe scadenze. Il prestito consolidamento

permette di riunire tutti i finanziamenti in corso in un’unica rata avendo oltretutto l’opportunità di ottenere liquidità aggiuntiva. In questo modo è possibile risolvere tutti i prestiti avendo un unico referente a cui destinare l’ammortamento del debito, che in questo caso sarà Poste Italiane

Importi minimi e massimi

Mediamente Poste Italiane offre l’opportunità di ricevere un capitale fino a un importo massimo di 30.000 euro, ma è possibile raddoppiare tale cifra se si opta per un prestito personale casa, ossia un finanziamento specifico che può essere utilizzato per

  • Acquisto Casa
  • Ristrutturazione Casa

All’estremo opposto abbiamo invece dei mini prestiti, che sono dedicati ai detentori della carta PostePay Evolution: grazie a questo piccolo finanziamento

si possono richiedere degli importi fissi di 1000, 2000 o 3000 euro, da restituire con un piano di ammortamento in 22 mesi tramite addebito diretto sulla carta della rata mensile a tasso fisso.

Ribadiamo anche in questo caso l’offerta di visitare il sito ufficiale di Poste Italiane per scoprire tutti i prodotti e le condizioni offerte dall’ente finanziatore.

Tassi di interesse

I tassi di interesse applicati da Poste Italiane per i propri prodotti finanziari sono nella media di mercato, con alcune promozioni molto convenienti per limitati periodi di tempo che mutano periodicamente, per cui è consigliabile verificare sul sito ufficiale Poste Italiane quelle in corso, oppure recarsi presso l’ufficio postale più vicino. Ricordiamo che i tassi di interesse da osservare in ogni finanziamento sono essenzialmente due, ovvero

  • TAN, il Tasso Annuo Nominale che indica in valore percentuale gli interessi che vengono applicati al capitale richiesto
  • TAEG, il Tasso Annuo Effettivo Globale che indica in valore percentuale l’insieme dei costi correlati all’erogazione di un finanziamento

Soprattutto se il TAEG è basso rispetto alla media di mercato significa che quel prodotto finanziario risulta particolarmente conveniente, per cui è importante confrontare i preventivi o utilizzare i comparatori on line per scoprire quanto possa risultare vantaggioso un prestito Poste Italiane rispetto alla concorrenza.

Le tempistiche

Per quanto riguarda le tempistiche di erogazione del prestito, sono abbastanza veloci considerando che le somme richieste vengono accreditate su conto corrente, libretto postale o carta ricaricabile una volta ricevuta l’approvazione dopo la fase istruttoria.

Sulle tempistiche incide naturalmente la rapidità con cui viene inviata la documentazione completa, e soprattutto che non vi siano criticità legate ai requisiti di accesso al credito. In genere ci vogliono pochi giorni al massimo per completare tutto l’iter e vedersi accreditato l’importo richiesto, e la massima velocità si ottiene richiedendo il prestito personale on line, che permette di abbattere molte fasi intermedie che comportano lungaggini, e di conseguenza anche alcune voci di spesa che solitamente vengono caricate sotto forma di commissioni ed oneri al richiedente.

Conclusioni

La gamma di finanziamenti messi a disposizione rende indubbiamente conveniente chiedere un prestito in Posta, considerando anche che le spese per mantenere un conto corrente sono tra i più bassi fra gli istituti di credito in Italia. Chi non ha un conto, un libretto o una carta ricaricabile presso l’ente non può chiedere i finanziamenti proposti da Poste Italiane, ma per i titolari dei suddetti risulta davvero allettante la proposta di credito delle Poste, sia per la varietà dei prodotti finanziari messi a disposizioni che per le condizioni economiche proposte, realmente competitive rispetto alla folta concorrenza.